Linfodrenaggio Manuale

linfodrenaggio

Il  Linfodrenaggio Manuale metodo Vodder nasce intorno agli anni trenta, da una brillante intuizione di Emil Vodder fisioterapista danese.
Sostenuto dalla moglie e da medici fisiologi sempre più interessati agli effetti del metodo, ha dedicato gran parte della sua vita allo studio del sistema linfatico al fine di perfezionare la sua tecnica e dimostrarne la validità scientifica.

Il Linfodrenaggio Manuale Vodder non è un massaggio vero e proprio, non si usano ne olio, ne creme, ma una specifica sequenza di manovre.
Le varie manualità, esercitate con una o due mani, sui diversi distretti corporei, vengono eseguite in sequenze prossimo-distali che rispettano il decorso dei deflussi cutanei e sottocutanei o meglio epifasciali in direzione delle stazioni linfonodali di competenza di un determinato territorio linfatico.


OTTIENI MAGGIORI INFORMAZIONI

I benefici del linfodrenaggio

L’azione del LDM favorisce un aumento della linfoangiomotricità, un drenaggio dell’interstizio favorendo  lo spostamento di liquidi, di proteine e cellule immunitarie, ed eliminazione di scorie varie a beneficio della circolazione tissutale. Il LDM agisce anche sul sistema immunitario, con il conseguente aumento delle difese dell’organismo.

Le principali indicazioni sono l’effetto antiedematoso, esso favorisce infatti la circolazione linfatica, permettendo la riduzione dell’ edema, sia linfatico, sia di altra origine , come può avvenire nel periodo premestruale, nelle donne in gravidanza, dopo aver subito l’asportazione della vena safena, dopo l’esecuzione d’interventi di mastectomia.

Utile anche per eliminare gli edemi che si formano dopo un intervento di chirurgia plastica ed estetica, qui l’ideale sarebbe eseguire i trattamenti sia prima sia dopo l’intervento. Anche gli edemi post-traumatici (distorsioni o dopo gesso), dopo interventi di protesi, traggono benefici dal LDM.

Notevole è l’effetto rigenerante, particolarmente evidente nelle persone anziane, o in campo ortopedico con una rapida costituzione del callo osseo in caso di fratture composte; i movimenti lenti e ritmati del LDM hanno un effetto rilassante favorendo un sonno fisiologico ai soggetti stressati o particolarmente affaticati.

L’azione antalgica e rilassante è particolarmente utile sulle contratture muscolari, sugli strppi o sulle distorsioni, cui associa anche un effetto antiedematoso.


OTTIENI MAGGIORI INFORMAZIONI

Controindicazioni del linfodrenaggio

  • tumori maligni non trattati;
  • infiammazioni acute;
  • trombosi venosa profonda;
  • insufficienza cardiaca (scompenso cardiaco);
  • insufficienza renale.

Quando si usa il linfodrenaggio

Tale terapia viene utilizzata per la cura delle seguenti patologie:

  • linfedemi primari;
  • linfedemi secondari;
  • insufficienze venose;
  • disturbi circolatori;
  • traumi articolari;
  • traumi muscolari;
  • morbo di suddek;
  • infiammazioni croniche;
  • esiti di ustioni (cicatrici);
  • interventi pre-post chirurgia vascolare;
  • interventi pre-post chirurgia plastica;
  • artrosi;
  • stipsi.

Richiedi informazioni su questo trattamento